FAQ: A Chi Rivolgersi Per Le Visite Mediche Dei Dipendenti?

Chi effettua le visite mediche ai lavoratori?

Secondo l’art. 41 del D. Lgs. 81/2008 legge, la visita preassuntiva può essere svolta dal medico competente o dai dipartimenti di prevenzione delle ASL, in base alla discrezione del datore di lavoro.

Come rivolgersi alla medicina del lavoro?

Nelle aziende ove non sia presente il medico competente, il lavoratore può rivolgersi, tramite richiesta SSN del proprio medico curante, alle Unità Ospedaliere di Medicina del Lavoro o ai Centri per il Disagio Lavorativo.

Chi deve fare le visite mediche?

La visita medica del lavoratore è una misura della cosiddetta sorveglianza sanitaria. Deve essere obbligatoriamente attuata dal titolare di un’azienda, in alcuni particolari ambienti di lavoro. Il Dlgs 81/08 è la normativa alla quale si devono attenere i datori di lavoro nell’attuare la sorveglianza sanitaria.

Quando è prevista la visita medica svolta dal medico competente?

L’obbligo della visita medica per un dipendente è previsto sia prima che inizi il lavoro che gli è stato assegnato (controllo preventivo), affinché il medico competente possa andare a constatare l’assenza di controindicazioni e possa accertarsi della sua idoneità alla mansione specifica, sia durante il periodo di

You might be interested:  I lettori chiedono: Per Visita Medica Specialistica Segue Certificazione Giustificativa?

Cosa si fa nella visita di lavoro?

Visite mediche lavoro all’assunzione e /o periodiche eventuali accertamenti strumentali e di laboratorio. Giudizi di idoneità totale o parziale dei lavoratori alla mansione. Redazione del piano sanitario aziendale di sorveglianza sanitaria, e custodia delle cartelle sanitaria e di rischio.

Chi fornisce i dispositivi di protezione individuale?

La dotazione dei lavoratori dei DPI appropriati ai rischi individuati è un obbligo del datore di lavoro rimarcato dal D. Lgs. n. 81/2008, art.

Che cos’è la medicina del lavoro?

La medicina del lavoro è quella branca della medicina che si occupa della prevenzione, della diagnosi e della cura delle malattie causate dalle attività lavorative.

Quando i lavoratori sono sanzionati?

È sanzionabile il lavoratore che esegue la prestazione con incostanza, negligenza o in modo difforme dalle istruzioni ricevute.

Cosa si intende per sorveglianza sanitaria?

Per sorveglianza sanitaria si intende l’insieme degli accertamenti sanitari svolti dal Medico Competente finalizzati alla tutela dello stato di salute e alla sicurezza dei lavoratori, in relazione alle condizioni di salute degli stessi, all’ambiente di lavoro, ai fattori di rischio e alle modalità di svolgimento dell’

Quali sono le tipologie di visite che il medico competente deve effettuare?

Le visite mediche sono molteplici: la preventiva, la preassuntiva, quella periodica, quella su richiesta del lavoratore, la visita a seguito di assenza per motivi di salute di durata superiore a 60 giorni continuativi, la visita in occasione del cambio di mansione ed anche quella, in alcuni casi, alla cessazione del

Quando avviene la visita di sorveglianza sanitaria?

visita medica alla cessazione del rapporto di lavoro: solo nei casi specifici previsti dalla normativa. visita medica precedente alla ripresa del lavoro: a seguito di assenza per motivi di salute di durata superiore ai sessanta (60) giorni continuativi, al fine di verificare l’idoneità alla mansione.

You might be interested:  Quanto Valgonmo Le Richieste Per Visite Mediche Specialisdtiche?

Quando il lavoratore può richiedere una visita medica personale da parte del medico competente?

Quando può essere richiesta la visita medica da parte del dipendente? La visita medica, nell’ambito lavorativo, non è sempre imposta dal datore di lavoro, ma può essere anche richiesta dal dipendente, qualora l’attività svolta comporti dei rischi per la sua salute.

Quando è ammesso ricorso avverso i giudizi del medico competente?

41, comma 9, ha precisato che: « Avverso i giudizi del medico competente, ivi compresi quelli formulati in fase preassuntiva, è ammesso il ricorso, entro 30 giorni dalla data di comunicazione del giudizio medesimo, all’organo di vigilanza territorialmente competente che dispone, dopo eventuali ulteriori accertamenti, la

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *