I lettori chiedono: Chi Cercare Per Le Visite Mediche Al Lavoro?

Chi fa la visita del lavoro?

La visita medica del lavoratore viene affidata dal datore di lavoro a un medico competente incaricato che dovrà valutare per ciascuna mansione i rischi presenti per la salute del dipendente e in base a quelli determinare come si svolgerà la visita, con quale frequenza e quali saranno gli esami svolti durante queste

Chi paga la visita medica del lavoro?

Le visite e gli esami fatti ai lavoratori, comprensive di esami clinici e biologici, sono stabilite dal medico competente e sono a totale carico del datore di lavoro (art. 41 D. Lgs 81/08).

Quando si effettuano le visite mediche al lavoro?

Cos’è la visita di idoneità e quando si effettua. Il medico di medicina del lavoro dell’azienda o dell’ente effettua visite mediche o richiede accertamenti a tutti i dipendenti (infermieri, Oss, amministrativi, ecc.) al momento dell’assunzione o periodicamente nel corso della vita lavorativa.

You might be interested:  FAQ: Quanto Prende.Un.Medico Del Lavoro A Visita?

Che cosa comprendono le visite mediche a spese del datore di lavoro?

81/2008 (le visite mediche a cura e spese del datore di lavoro, comprendono gli esami clinici e biologici e indagini diagnostiche mirati al rischio ritenuti necessari dal medico competente.

Quali sono le tipologie di visite che il medico competente deve effettuare?

Le visite mediche sono molteplici: la preventiva, la preassuntiva, quella periodica, quella su richiesta del lavoratore, la visita a seguito di assenza per motivi di salute di durata superiore a 60 giorni continuativi, la visita in occasione del cambio di mansione ed anche quella, in alcuni casi, alla cessazione del

Cosa serve la visita medica del lavoro?

Anzitutto, lo scopo della visita medica sul luogo di lavoro è quello di tutelare il lavoratore contro i possibili rischi ai quali verrebbe esposto durante lo svolgimento della propria attività lavorativa e constatarne l’idoneità fisica all’esecuzione, secondo quanto riportato dal documento di valutazione dei rischi

Quanto costano le visite mediche per il lavoro?

Visita Medica a richiesta dal cliente € 42,00 (Es. rientro da Malattia con durata continuativa superiore ai 60 gg., visita supplementare a richiesta del lavoratore…)

Quali sono le visite mediche per assunzione?

Tali accertamenti comprendono gli esami clinici e biologici e indagini diagnostiche mirati al rischio ritenuti necessari dal medico competente, nella maggior parte dei casi si tratta di:

  • misurazione della pressione;
  • controllo della vista;
  • controllo dell’udito;
  • analisi del sangue;
  • analisi delle urine;

Chi invia i lavoratori a visita medica periodica di sorveglianza sanitaria?

n. 81/2008 “stabilisce un obbligo in capo al datore di lavoro e al dirigente di ‘ inviare i lavoratori alla visita medica entro le scadenze previste dal programma di sorveglianza sanitaria ‘.

You might be interested:  Come Anticipare Le Visite Mediche?

Chi stabilisce la periodicita delle visite mediche?

La periodicita ‘ (scadenza) delle visite di sorveglianza sanitaria, nel caso in cui non sia definita espicitamente dalla legge, deve considerarsi di un anno. La frequenza della periodicita ‘ puo’ essere modificata dal medico competente in funzione della valutazione del rischio.

Quali sono le categorie lavoratori che vengono sottoposte a visita medica da parte del medico competente?

Tutti i lavoratori iscritti al registro aziendale di cui all’art 243 D. Lgs. 81/08 sono sottoposti a sorveglianza sanitaria.

Chi stabilisce l’idoneità al lavoro?

81/2008 (T.U. salute e sicurezza sul lavoro ) prevede, in capo al datore di lavoro, l’obbligo di fare accertare, tramite il medico competente nell’ambito della sorveglianza sanitaria, l’ idoneità alla mansione specifica.

Quale categoria non è compresa nel decreto legislativo 81 2008?

Possiamo però affermare che ad “esclusione dei piccoli lavori domestici a carattere straordinario, compresi l’insegnamento privato supplementare e l’assistenza domiciliare ai bambini, agli anziani, agli ammalati e ai disabili” (art. 3 comma 8), il D. Lgs. 81/08 si applica anche solo parzialmente a tutti.

Quali sono i compiti che il datore di lavoro non può delegare?

“1. Il datore di lavoro non può delegare le seguenti attività: a) la valutazione di tutti i rischi con la conseguente elaborazione del documento previsto dall’articolo 28; b) la designazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *